Translate

sabato 8 febbraio 2014

Torta russa a modo mio

La Torta Russa, è una torta tipica della città di Verona che ha un contenitore che racchiude il ripieno come una matriosca.
E' buuuooooniiiiisssiiiiimmaaaa!! Come rendere? E' un mio desiderio ricorrente quando ho voglia di confort food dolce.. magari qualche brutta giornata di troppo... ed è per questo che non compro pasta sfoglia pronta normalmente.. perché per fare questa torta ci vuole un attimo!! La ricetta è per uno stampo con la cinghia max 24 cm. Ho alleggerito la ricetta originale dal burro e dallo zucchero in eccesso perché ritengo che davvero non serva a conferirgli maggiore gusto ma solo calorie che investirei in altro modo..e comunque il burro c'è già nella sfoglia...

Ingredienti 

1 confezione di pasta sfoglia rotonda
200 gr di farina '00'
150 gr di zucchero
3 uova
80 gr di burro ammorbidito
100 gr di mandorle macinate finemente con la pelle (hanno più sapore)
10 di amaretti sbriciolati
1/2 bustina di lievito per dolci
5 gocce di aroma al rum
1 bustina di vanillina o 1/2 bacca di vaniglia (i semi)
1 cucchiaino di aroma di mandorla amara
1 pizzico di sale

Con il tritatutto macinate finemente le mandorle, gli amaretti in un cucchiaio di zucchero preso dalla dose della ricetta. Dividete i rossi dai bianchi in ciotole diverse e montate i bianchi con un pizzico di sale a spuma morbida, non a neve ferma. Sbattete i rossi d'uova con lo zucchero e il burro a pomata e aggiungete gli aromi, la vanillina, le mandorle tritate, la farina, il lievito, alternandoli con un po di latte per evitare che l'impasto sia troppo duro. Lasciatelo comunque abbastanza asciutto perché ci aggiungerete i bianchi mescolando dal basso verso l'alto con un cucchiaio o, meglio, una spatola. Posizionate centralmente la pasta sfoglia nello stampo a cerniera con tutta la carta forno di cui è dotata. Versateci il ripieno e ripiegate i bordi verso l'interno come se fosse un fazzoletto contenitivo. Cuocete nel forno ventilato a 180°C per i primi 10 minuti e poi abbassate a 160° per i successivi 40 minuti  e comunque fino a doratura. Sfornate e lasciate raffreddare. Servitela con della crema inglese o semplicemente spolverizzata con dello zucchero a velo.










Nessun commento:

Posta un commento

Ti è piaciuta questa ricetta? Lascia un commento