Translate

lunedì 13 gennaio 2014

Puntarelle saltate

Questo per me è un contorno un po particolare, leggermente amarognolo. Da quando mi sono trasferita nelle vicinanze di Roma ne sento parlare spesso e al mercato vedo le cassette stracolme di queste verdure freschissime. Amici e colleghi ne decantano le lodi e ho voluto provare a dare una mia interpretazione.

Ingredienti:

500 gr di puntarelle
3 cucchiai di olio extravergine d'oliva
1 spicchio d' aglio
1/2 bicchiere d'aceto di vino rosso
sale e peperoncino


Lavate e togliete i gambi duri e pieni, lasciando solo i gambi cavi e teneri. Affettate le puntarelle, tagliandole in 4 poi sfilettatele finemente. Fate scaldare l'olio in una padella (la mia preferita per tutto è la saltapasta (una specie di wok nostrano), l'aglio e il peperoncino. Di solito si mettono un paio di alici a sciogliere ma io non le amo, eventualmente aggiungetele. Abbassate la temperatura per non far bruciare l'aglio. Versate le puntarelle sfilettate in padella, salate e copritele con un coperchio, continuando la cottura a  fiamma moderata per circa 20 minuti. Sfumatele con l'aceto e servitele tenere e fumanti... Non le conoscevo.. sono deliziose, anche leggermente amare, e dalle mie parti sono un vero must!! L'aceto di vino rosso è dolce e stempera l'eventuale eccesso di amaro della puntarella selvatica. Sono ottime abbinate ad uno spezzatino o possono essere parte di un antipasto rustico e sfizioso.







Nessun commento:

Posta un commento

Ti è piaciuta questa ricetta? Lascia un commento